Titolo V – Dell’importazione, dell’esportazione e del transito (Artt. 50-59).


Titolo V 
DELL’IMPORTAZIONE, DELL’ESPORTAZIONE E DEL TRANSITO

Art. 50.
Disposizioni generali

1. L’importazione, l’esportazione ed il transito di sostanze stupefacenti o psicotrope possono essere effettuati esclusivamente dagli enti e dalle imprese autorizzati alla coltivazione delle piante, alla produzione alla fabbricazione, all’impiego e al commercio di sostanze stupefacenti o psicotrope, nonche’ all’impiego delle predette sostanze, a fini di ricerca scientifica e di sperimentazione.

2. Le operazioni di cui al comma 1 devono, essere svolte soltanto tramite le dogane di prima categoria.

3. Il permesso deve essere rilasciato per ogni singola operazione;

ha la validita’ di mesi sei e puo’ essere utilizzato anche per quantitativi inferiori a quelli assegnati.

4. Le sostanze stupefacenti psicotrope dirette all’estero devono essere spedite a mezzo pacco postale con valore dichiarato.

5. E’ vietata l’importazione di sostanze stupefacenti o psicotrope con destinazione ad una casella postale o ad una banca.

6. Le norme del presente testo unico si applicano alle zone, punti o depositi franchi qualora la disciplina a questi relativa vi consenta la introduzione di sostanze stupefacenti o psicotrope.

7. Durante il transito e’ vietato manomettere o in qualsiasi modo modificare gli involucri contenenti sostanze stupefacenti o psicotrope salvo che per finalita’ doganali o di polizia. E’ vietato altresi’ destinarli, senza apposita autorizzazione del Ministro della sanita’, a Paese diverso da quello risultante dal permesso di esportazione e da quello di transito.

8. Per il trasporto e la consegna di sostanze stupefacenti o psicotrope in importazione, esportazione o transito si applicano le norme di cui all’articolo 41.

9.  Le disposizioni dei commi da 2 a 8 si applicano soltanto alle sostanze stupefacenti o psicotrope comprese nelle tabelle I, II, III e IV di cui all’articolo 14. (1)

(1) Comma così modificato dall’art. 1, comma 16-bis, D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.

Capo I 
Dell’importazione

Art. 51.
Domanda per il permesso di importazione

1. Per ottenere il permesso di importazione, l’interessato e’ tenuto a presentare domanda direttamente al Ministero della sanita’ secondo le modalita’ indicate con decreto del Ministro.

Art. 52.
Importazione

1. Il Ministero della sanita’, rilasciato il permesso di importazione in conformita’ delle convenzioni internazionali, ne da’ tempestivo avviso alla dogana presso la quale e’ effettuata l’importazione e, se quest’ultima e’ interna, anche alla dogana di confine.

2. L’eventuale inoltro dalla dogana di confine a quella interna e’ disposto con scorta di bolletta di cauzione per merci estere dichiarate, sulla quale deve essere indicato l’indirizzo del locale autorizzato, destinato ad accogliere il prodotto.

3. L’importatore deve presentare al piu’ presto alla dogana destinataria il permesso di importazione, insieme con la dichiarazione doganale, provvedendo in pari tempo, ove si debba procedere al prelevamento di campioni, a richiedere l’intervento del comando della Guardia di finanza.

4. La dogana destinataria, pervenuta la merce e qualora non sussista la possibilita’ di sdoganare immediatamente la merce medesima, ne dispone l’introduzione nei propri magazzini di temporanea custodia, dandone nello stesso tempo comunicazione al Ministero della sanita’, al Servizio centrale antidroga, al competente comando della Guardia di finanza ed all’importatore.

Art. 53.
Sdoganamento e bolletta di accompagnamento

1. La dogana, dietro presentazione dei documenti indicati nel comma 3 dell’articolo 52 e dopo il prelievo dei campioni, provvede allo sdoganamento dei prodotti ed assicura i colli che li contengono con contrassegni doganali. Sulla bolletta di importazione la dogana, oltre alle indicazioni di rito, deve annotare anche gli estremi del permesso di importazione, da allegarsi alla bolletta matrice, e a scorta della merce importata rilascia una bolletta di accompagnamento, riportante tutti i dati essenziali dell’avvenuta operazione, nonche’ il termine entro cui la bolletta medesima dovra’ essere restituita alla dogana emittente con le attestazioni di scarico.

2. L’arrivo a destinazione della merce deve risultare da attestazione che l’importatore, dopo che la merce sia stata presa in carico sull’apposito registro, avra’ cura di far apporre sulla bolletta di accompagnamento dal piu’ vicino ufficio di Polizia di Stato o Comando dei carabinieri o della Guardia di finanza ovvero dall’agente di scorta nel caso che questa sia stata disposta.

3. La bolletta di accompagnamento, munita della cennata attestazione, deve essere restituita, entro il termine perentorio specificato nella bolletta stessa, dall’importatore alla dogana, che informa dall’avvenuta regolare importazione, citando la data e il numero della bolletta di importazione, il Ministero della sanita’, il Servizio centrale antidroga ed il Comando della Guardia di finanza competente.

4. Trascorso il termine assegnato per la restituzione della bolletta di accompagnamento senza che questa sia stata restituita, munita dell’attestazione di scarico, la dogana redige processo verbale, informandone le autorita’ di cui al comma 3.

Art. 54.
Prelevamento di campioni

1.  Nel caso di importazione di sostanze stupefacenti o psicotrope comprese nelle tabelle di cui all’articolo 14, con esclusione dei medicinali di cui alle sezioni C, D ed E della tabella dei medicinali, la dogana destinataria provvede al prelevamento di campioni, a richiesta del Ministero della sanità e con le modalità da questi fissate.  (1)

2. Se l’importazione concerne le sostanze stupefacenti e psicotrope incluse nelle tabelle di cui all’articolo 14, con esclusione dei medicinali di cui alle sezioni B, C, D ed E della tabella dei medicinali, la dogana preleva quattro separati campioni con le modalità indicate nel presente articolo. (2)

3. Ciascun campione, salvo diversa determinazione disposta dal Ministero della sanita’ all’atto del rilascio del permesso di importazione, deve essere costituito da almeno 10 grammi per l’oppio, per gli estratti di oppio, per la resina di canape e per la pasta di coca; di grammi 20 per le foglie di coca, per la canapa indiana, per le capsule e per la paglia di papavero; di grammi uno per la cocaina, per la morfina, per la codeina, per la etilmorfina e per qualunque altra sostanza chimica allo stato grezzo o puro, di sali o di derivati, inclusi nella tabella I indicata al comma 1.

4. I singoli campioni devono essere contenuti in flaconi di vetro, con chiusura a tenuta, suggellati.

5. Sulla relativa etichetta, oltre le indicazioni della quantita’ e qualita’ della sostanza, della ditta importatrice e della provenienza, devono figurare anche il titolo dichiarato del principio attivo dominante e la percentuale di umidita’ della sostanza.

6. All’operazione di prelevamento dei campioni deve presenziare anche un militare della Guardia di finanza.

7. Per la predetta operazione deve essere redatto apposito verbale compilato in contraddittorio con l’importatore o un suo legale rappresentante e firmato dagli intervenuti.

8. Una copia del verbale e’ trasmessa, a cura della dogana, al Ministero della sanita’, altra copia e’ allegata alla dichiarazione di importazione ed una terza copia e’ consegnata all’importatore.

9. Dei campioni prelevati, due devono essere trasmessi, a cura della dogana, al Ministero della sanita’, uno rimane alla dogana stessa ed uno e’ trattenuto in custodia dall’importatore, il quale deve tenerne conto agli effetti delle registrazioni di entrata ed uscita.

(1) Comma modificato dall’art. 4-vicies ter, co. 17, lett. a), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49. Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente comma è stato così modificato dall’art. 1, comma 17, lett. a), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.
(2) Comma modificato dall’art. 4-vicies ter, co. 17, lett. b), D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49. Successivamente, la Corte costituzionale, con sentenza 12-25 febbraio 2014, n. 32 (Gazz. Uff. 5 marzo 2014, n. 11 – Prima serie speciale), ha dichiarato, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale del suddetto art. 4-vicies ter, D.L. 30 dicembre 2005, n. 272. Infine, il presente comma è stato così modificato dall’art. 1, comma 17, lett. b), D.L. 20 marzo 2014, n. 36, convertito, con modificazioni, dalla L. 16 maggio 2014, n. 79.

Art. 55.
Analisi dei campioni

1. L’analisi sul campione e’ disposta dal Ministero della sanita’ ed e’ effettuata entro sessanta giorni dall’Istituto superiore di sanita’ a spese dell’importatore.

2. I risultati sono comunicati a cura del Ministero stesso alla dogana competente, all’importatore e, per conoscenza, al laboratorio chimico centrale delle dogane e delle imposte dirette per gli usi di legge.

3. I residuati dell’analisi dei campioni ed i campioni non utilizzati sono restituiti, su richiesta, all’importatore a sue spese.

4. I residuati e i campioni non richiesti restano a disposizione del Ministero della sanita’.

5. Ad esito definitivo dell’analisi l’importatore puo’ utilizzare il campione affidatogli per la custodia.

 

Capo II 
Dell’esportazione

Art. 56.
Domanda per il permesso di esportazione

1. Per ottenere il permesso di esportazione l’interessato e’ tenuto a presentare domanda anche al Ministro della sanita’.

2. La domanda deve essere redatta secondo le modalita’ stabilite con decreto del Ministro della sanita’. Essa deve essere corredata dal permesso di importazione rilasciato dalle competenti autorita’ del Paese di destinazione della merce, vidimato delle autorita’ consolari italiane ivi esistenti.

Art. 57.
Esportazione

1. Il Ministero della sanita’, rilasciato il permesso di esportazione, ne da’ tempestivo avviso alla dogana di confine, attraverso la quale deve essere effettuata la esportazione, e al Servizio centrale antidroga.

2. Copia del permesso e’ inoltrata alle competenti autorita’ del Paese di destinazione tramite il Ministero degli affari esteri.

3. Sulla matrice e sulla figlia della bolletta di esportazione rilasciata dalla dogana devono essere indicati la data ed il numero del permesso di esportazione, il quale rimane allegato alla matrice.

4. Dell’avvenuta uscita della merce dal territorio dello Stato la dogana da’ immediata comunicazione al Ministero della sanita’, segnalando gli estremi della bolletta e del permesso di esportazione.

5. Nel caso di esportazione a mezzo pacco postale, ferroviario od aereo, il permesso di esportazione deve essere presentato dall’operatore agli uffici postali, agli scali ferroviari od aerei, i quali sono tenuti ad unirlo ai documenti di viaggio a scorta della merce fino alla dogana di uscita. Quest’ultima provvede agli adempimenti indicati nel presente articolo.

6. La spedizione deve essere effettuata secondo le modalita’ stabilite con decreto del Ministro della sanita’.
Capo III 
Del transito

Art. 58.
Domanda per il permesso di transito

1. Per ottenere il permesso di transito l’operatore e’ tenuto a presentare domanda al Ministero della sanita’ secondo le modalita’ stabilite con decreto del Ministro.

2. La domanda deve essere in ogni caso corredata:

a) dal permesso di importazione rilasciato dalle competenti autorita’ del Paese di destinazione;

b) dal permesso di esportazione rilasciato dalle competenti autorita’ del Paese di provenienza.

3. I documenti previsti alle lettere a) e b) del comma 2 possono essere esibiti in fotoriproduzione o in copia, purche’ vidimati dalle competenti autorita’ consolari italiane.

4. Il transito e’ ammesso soltanto tramite dogane di prima categoria.

Art. 59.
Transito

1. Il Ministero della sanita’, rilasciato il permesso di transito di sostanze stupefacenti o psicotrope, ne da’ tempestivamente avviso alle dogane di entrata e uscita.

2. La dogana di entrata, ricevuto l’avviso e ritirato il permesso di transito, procede all’inoltro della merce alla dogana di uscita, emettendo a scorta della merce stessa, bolletta di cauzione estera dichiarata alla cui figlia allega il permesso di transito. Il termine di validita’ di tale bolletta deve essere fissato sulla base del tempo strettamente necessario perche’ la merce raggiunga, per la via piu’ breve, la dogana di uscita.

3. Tanto sulla matrice quanto sulla figlia della bolletta di cauzione la dogana emittente deve indicare la data e il numero del permesso di transito. La stessa dogana comunica quindi al Ministero della sanita’, nonche’ alla dogana di uscita, l’arrivo e la spedizione della merce, specificando gli estremi della bolletta emessa.

4. La dogana di uscita, effettuata l’operazione, invia il certificato di scarico alla dogana di entrata e questa, ricevuto il certificato medesimo, provvede a dare conferma al Ministero della sanita’ dell’avvenuta uscita della merce dal territorio dello Stato, precisando i dati concernenti l’operazione effettuata.

5. Nel caso di mancato scarico parziale o totale della bolletta di cauzione, la dogana di uscita, indipendentemente dagli altri adempimenti di competenza, informa immediatamente il piu’ vicino posto di polizia di frontiera e il Ministero della sanita’.