[CITTADINO INFORMATO] 9 risposte per conoscere cosa può accadere se vieni trovato in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti per consumo personale.


1. COSA ACCADE SE VENGO TROVATO IN POSSESSO DI STUPEFACENTI?

Viene applicato l’art. 75 del DPR309/90 e precisamente:

○ ti viene confiscata la sostanza per inviarla al laboratorio di analisi per stabilire il contenuto di principio attivo;

○ ti viene redatto un verbale e ti viene fatto firmare;

○ se in quel momento hai a disposizione l’auto ti viene ritirata immediatamente la patente per 1 mese;

○ se in quel momento hai a disposizione il motorino questo viene sottoposto a fermo amministrativo e ti ritirano il patentino. Il tutto per 1 mese;

○ se sei minorenne vengono avvisati i tuoi genitori;

○ se sei straniero viene informato il Questore per le valutazioni di competenza in sede di rinnovo del permesso di soggiorno;

○ copia del verbale viene inviato in Prefettura per verificare, in base all’esito del laboratorio di analisi della sostanza sequestrata, se c’è stata violazione dell’art. 75 DPR 309/90 e successive modifiche (Legge 49/06).

2. A COSA SERVONO GLI ESITI DELLE ANALISI DI LABORATORIO?

Ad accertare la natura della sostanza e la presenza di principio attivo: se il principio attivo è entro i limiti tabellari c’è l’avvio del procedimento amministrativo per violazione art. 75 DPR 309/90 .

Se la sostanza analizzata non è tra quelle inserite in tabella (assenza di principio attivo): decade il procedimento a tuo carico.

LIMITI MASSIMI DI PRINCIPIO ATTIVO
THC (Hashish, Marijuana):  mg 500
COCAINA: mg 750
AMFETAMINA: mg 500
EROINA: mg 250
MDMA (ecstasy):  mg 750
LSD: mg 0,150

Entro tali quantitativi di principio attivo si ravvisa il consumo personale

3. COSA PREVEDE L’ART.75 DPR. 309/90?

Chiunque illecitamente importa, esporta, acquista, riceve a qualsiasi titolo o comunque detiene sostanze stupefacenti o psicotrope … è sottoposto per un periodo da 1 mese a 1 anno(*) a una o più delle seguenti sanzioni amministrative:

  • sospensione della patente di guida o divieto di conseguirla( *da 1 mese a 3 anni);
  • sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
  • sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
  • sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino/a extracomunitario/a.
 4. SE C’E’ VIOLAZIONE DELL’ART.75 DEL DPR 309/90?

Riceverai all’indirizzo che hai comunicato durante il fermo la convocazione, da parte della Prefettura di Massa Carrara -UTG-, per presentarti a un colloquio con un Funzionario Assistente Sociale.

Nella lettera di convocazione ti viene indicato la data , il luogo e l’ora.

Se per il giorno della convocazione fosse impossibile recarti all’appuntamento per gravi motivi, in via eccezionale puoi chiamare il numero indicato nella lettera e concordare con l’assistente sociale un’altra eventuale data.

La non presentazione al colloquio comporta in automatico l’emissione della sanzione.

Se sei minorenne tutte le comunicazioni arriveranno ai tuoi genitori.

5. A COSA SERVE IL COLLOQUIO IN PREFETTURA CON UN FUNZIONARIO ASSISTENTE SOCIALE?

Il colloquio serve a raccogliere tutte quelle informazioni utili al Prefetto per determinare:

  • la possibilità di essere invitato/a a un programma terapeutico e socio-riabilitativo personalizzato;
  • il tipo di sanzione amministrativa;
  • la durata della sanzione;
  • la possibilità che Tu venga “Ammonito”: se è la prima volta che vieni segnalato/a e se ricorrono elementi tali da far presumere che non utilizzerai più sostanze stupefacenti, al posto della sanzione Ti viene rivolto un Formale Invito (Ammonizione) a non fare più uso di sostanze stupefacenti. Tale invito può essere fatto solo una volta.
 6. IN COSA CONSISTE L’INVIO A SVOLGERE UN PROGRAMMA TERAPEUTICO O EDUCATIVO INFORMATIVO?

Il programma terapeutico o educativo informativo che ti viene proposto non è obbligatorio ma volontario e può essere svolto presso i Servizi Ser.T o altre strutture autorizzate ai sensi di legge (es. comunità terapeutiche,ecc);

il programma comporta degli incontri con esperti sui temi correlati alle sostanze, ai consumi oltre prevedere esami tossicologici sulle urine;

se partecipi al programma non ti viene tolta o sospesa la sanzione; la partecipazione al programma può avere invece effetti sulla durata della sanzione o sull’eventuale “revoca” della stessa.

 7. REVOCA DELLA SANZIONE COSA VUOL DIRE ?

Se porti a termine con esito positivo il programma terapeutico o educativo informativo il Prefetto annulla la sanzione dandone comunicazione al Questore e al Giudice di Pace competenti.

 8. COME VIENE NOTIFICATA LA SANZIONE?

Quando il Prefetto emette la sanzione lo comunica alle forze dell’ordine del Tuo luogo di residenza, le quali verranno a consegnartela direttamente a casa, nel caso Tu non sia a casa in quel momento, le forze dell’ordine lasceranno un avviso in cui ti chiedono di recarti il prima possibile presso la loro sede per notificarti degli atti.

La sanzione ha inizio nel momento in cui ritiri il provvedimento dalle Forze dell’Ordine.

Nei confronti della sanzione può essere fatto ricorso al Giudice di Pace entro 30 giorni dalla data di notifica del decreto.

Una copia della sanzione viene inviata anche alla Questura per eventuali ulteriori sanzioni ai sensi dell’art. 75 bis 11

 9.Quali ulteriori sanzioni emette la Questura ai sensi dell’Art. 75 bis del DPR 309/90?

La legge prevede che il Prefetto invii una copia della sanzione anche al QUESTORE che, se accerta, un eventuale pericolo per la sicurezza pubblica, può disporre una o più delle sanzioni elencate per un massimo di 2 anni.

Le sanzioni aggiuntive:

  1. obbligo di presentarsi almeno due volte alla settimana presso il locale ufficio della polizia o dell’arma dei carabinieri;
  2. obbligo di rientrare nella propria abitazione e/o di non uscire entro una determinata ora;
  3. divieto di frequentare determinati locali pubblici;
  4. divieto di allontanarsi dal comune di residenza;
  5. divieto di condurre qualsiasi veicolo a motore.

Anche le sanzioni emesse dalla Questura ai sensi dell’art 75bis possono essere: “REVOCATE” (annullate) se presenti un “certificato medico” che attesta che hai seguito e concluso positivamente un programma “terapeutico e socio-riabilitativo” o eventuale programma “educativo informativo”.